Ultimamente stai notando un consumo smoderato di olio motore da parte della tua autovettura?
Forse non lo sai, ma è buona norma controllare il livello di quest’ultimo ogni 1000 km percorsi onde evitare spiacevoli sorprese.
Solitamente, il lubrificante non brucia assieme al combustibile, quindi il suo livello non dovrebbe calare eccessivamente nel tempo, ma se ciò accadesse non possiamo far finta di nulla in quanto dietro l’angolo potrebbe celarsi una seccatura ben più grande.

È il momento quindi di attuare piccoli ma efficaci accorgimenti.

Vediamo le cause principali e qualche rimedio utile:

1 Logoramento di parti del motore

Fasce del pistone
Come abbiamo già detto, l’olio motore non partecipa alla combustione ma interviene unicamente nel processo di lubrificazione. Tuttavia, può capitare che le fasce del pistone inizino a logorarsi. In questo modo, l’olio inizia a infiltrarsi nella camera di combustione, dissipandosi.
-Paraoli delle valvole
Un ulteriore causa, sempre relativa a dei danni interni del motore, potrebbe essere generata dai paraoli delle valvole. Per limitare il passaggio di olio in camera di combustione sono infatti applicate delle guarnizioni. Nel caso queste si danneggino, il continuo trafilamento di olio nella camera di scoppio può originare la formazione di incrostazioni che nel lungo periodo danneggino gravemente il vostro motore.
-Filtro antiparticolato
Una delle problematiche introdotte dai sistemi antiinquinamento è senza dubbio quella della diluizione dell’olio motore con il gasolio. Le operazioni gestite dalla centralina quali post iniezioni e post combustione volte a riscaldare il FAP (filtro antiparticolato), provocano un inesorabile passaggio di gasolio incombusto, dalla parete del cilindro verso la coppa dell’olio. Qualora tale diluizione supererà una certa percentuale, automaticamente si accenderà la spia che indicherà la obbligatoria sostituzione dell’olio.
Nel caso vi troviate in una di queste 3 situazioni vi esortiamo a recarvi dal vostro meccanico di fiducia. Nel frattempo, per contenere le perdite di questa preziosa risorsa sconsigliamo di far salire di molti giri il motore e di non usare l’auto per tragitti troppo lunghi, così facendo il calore diminuirà e aumenterà la trasudazione.
Nel caso vi troviate in una di queste 3 situazioni vi esortiamo a recarvi dal vostro meccanico di fiducia. Nel frattempo, per contenere le perdite di questa preziosa risorsa sconsigliamo di far salire di molti giri il motore e di non usare l’auto per tragitti troppo lunghi, così facendo il calore diminuirà e aumenterà la trasudazione.

2 Stile di guida

I giri del motore influenzano notevolmente il consumo di lubrificante. Più alti saranno più la quantità di olio consumato sarà elevata. Questo perché si esercita una pressione maggiore sulle guarnizioni e una porzione del liquido potrebbe fuoriuscirne per poi finire nella camera di combustione a bruciare.
Di conseguenza più le condizioni delle guarnizioni saranno usurate più sarà facile incappare nel problema descritto poco sopra.
Cercate ogni tanto di altalenare il vostro stile di guida, passando da uno più sportivo ad uno più morbido, (rimanendo tra i 2000 e 2500 giri) eviterete così di stressare troppo il vostro motore che nel lungo periodo vi ringrazierà.

3 Tipo di olio motore

Se recentemente vi è stato raccomandato di passare ad un olio sintetico e più viscoso per abbassare i consumi del lubrificante avete fatto bene a seguire tale consiglio. Però, quello che forse non sapete, è che nel lungo periodo un lubrificante di questo tipo possa causare problemi alle condizioni generali del motore stesso.
Infatti un uso prolungato di un olio molto viscoso può peggiorare le prestazioni dell’auto soprattutto in situazioni di basse temperature.

4 Struttura della vettura

Alcune macchine hanno la peculiarità progettuale di esaurire un determinato quantitativo di olio lubrificante. I motivi che in fase di progetto tendono a far prediligere un aspetto del genere sono molteplici. Per esempio: quello di voler aumentare l’efficacia dell’ingrassamento del sistema cilindro-pistone, come avveniva anni fa con i motori a miscela.
In questa circostanza, dunque, non esiste un vero e proprio modo per ridurne il consumo. Dobbiamo solo controllare a periodi costanti e rabboccare quando necessario.

5 Utilizzo di oli di bassa qualità

Adoperare un lubrificante dalle pessime proprietà o dalla gradazione sbagliata costringe il propulsore del motore a lavorare fuori specifiche e si usurerà più velocemente.
La stessa cosa accade se non consideriamo le indicazioni del costruttore durante i tagliandi.
È fondamentale rispettare le istruzioni della casa costruttrice e in certi casi ripristinare l’uso dell’olio prescritto.
Solo nel caso, ove il motore abbia già diversi km sulle spalle, si può optare per un olio con viscosità superiore per sopperire alle tolleranze di accoppiamenti degli organi interni dovute dal normale utilizzo della vostra autovettura.
Sapere scegliere l’olio motore più giusto, è un modo per risparmiare soldi e per far durare l’auto più a lungo.

Se desiderate approfondire l’argomento, cliccate qui.

Sapere scegliere l’olio motore più giusto, è un modo per risparmiare soldi e per far durare l’auto più a lungo.

Se desiderate approfondire l’argomento, cliccate qui.

Affidatevi a Lubrialpha, riveditore olio Castrol Edge, Magnatec, liquido per freni e antigelo.
Garantiamo una protezione senza paragone, consumi minori di olio e di carburante ed un motore più pulito nel breve e lungo periodo.
Da |2019-04-10T14:15:39+01:00Aprile 10th, 2019|News|0 Commenti

Scritto da:

Lascia un commento